top of page

Egitto e Mar Rosso

La Terra dei Faraoni d'Egitto e le spiagge paradisiache del Mar Rosso.


Egitto

L'Egitto è un Paese sicuro che vive di turismo e che ha faticato molto per recuperare la fiducia dei turisti dopo l'attentato a Sharm del 2005; dal 2011 c'è un clima politico che a volte sfocia in tumulti per questo nelle grandi città è bene tenersi alla larga da manifestazioni e proteste. Oltre a ciò, bisogna sapere che guidano come pazzi e chiedono sempre le mance. Il momento ideale per visitare il Paese e godersi le spiagge è l' inizio primavera e fine autunno; si può andare anche durante l'inverno, ma è più facile incappare nel vento, acqua del mare fredda e le giornate sono più corte.



Cairo e le Piramidi di Giza

La città del Cairo ha millenni di storia e cultura da raccontare: dal Museo Egizio del Cairo (il più completo al mondo), ai suq di Khan el-Khalili (il Bazar più grande del Medio Oriente dopo Istanbul), alla fortezza romana, alle splendide moschee islamiche e la principale piazza Tahrir, luogo delle rivolte della primavera araba.

🎫 Ingresso Museo Egizio 6 euro link sito ufficiale


Dentro la città, si trova il complesso delle Piramidi di Giza. Si stima che in Egitto ci siano più di 100 piramidi costruite nel periodo dell'Antico e Medio Regno con tecniche ancora non del tutto spiegate. Qui troviamo le più famose: la Piramide di Cheope, di Chefren e del figlio Micerino assieme alla Sfinge.

La Piramide di Cheope è l'unica delle Sette Meraviglie del Mondo antico arrivata ai nostri giorni. E' la più grande, alta 140 metri e si ritiene sia stata costruita nel 2560 a.C. in 20 anni, utilizzando 2 milioni di blocchi trasportati dalle cave locali. Affianco 3 piramidi più piccole per le mogli e altri templi. La Sfinge fu chiamata così dagli antichi greci, mentre per gli arabi era "il padre del terrore". Alta 20 metri, era dedicata al dio Ra del sole ed adorata come una divinità.

🎫 Ingresso piramidi è contingentato, con un numero limitato quindi meglio prenotarli link sito ufficiale



Fiume Nilo

Il Nilo è un fiume piatto, navigabile in entrambe le direzioni, indispensabile nel mondo antico e di grande importanza ancora oggi. Durante l'Antico Egitto fungeva da via di comunicazione tra le città sulle sue rive e, grazie al limo cosparso durante le sue piene regolari, rendeva fertili i terreni per l'agricoltura. E' possibile godersi il Nilo con una escursione in barca di una giornata oppure prendere una crociera e fare la tratta più comune da Luxor ad Assuan passando per Edfu e Kom Ombo e visitando Abu Simbel.

🚢 Esistono diverse opzioni di crociere sul nilo




Luxor e la Valle dei Re

Luxor (anticamente Tebe) è la seconda città più importante dell'Egitto grazie ai numerosi e importanti scavi egizi che rendono la città un enorme museo a cielo aperto.



Il complesso di Karnak è uno dei monumenti più celebri. Dedicato al dio Amon, dio del cielo e del sole, alla dea Mut, simbolo della "madre" e della fecondità, e a Khonsu, figlio di Mut e dio della luna. E' il tempio più grande dell'antico Egitto. Fu un luogo religioso, ma anche il centro dell'amministrazione dell'Impero con la tesoreria e il palazzo dei faraoni, raggiungendo una superficie di 48 ettari. Alla sua costruzione hanno contribuito più di 30 faraoni apportando stili e decorazioni diverse. Oltre alla visita mattutina, esiste la visita serale con lo spettacolo di luci (vi ricordate la pubblicità di quando eravamo piccoli?).


Il complesso di Karnak era collegato al Tempio di Luxor dal Viale delle Sfingi, dove 40 sfingi con la testa di ariete e il corpo di leone, fanno da guardiane eterne. Mentre all’ingresso del templio ci sono due statue colossali del faraone Ramses II (in origine erano 6) insieme ad un obelisco in granito e parte un lungo colonnato dalle splendide decorazioni.




La Valle dei Re è patrimonio UNESCO ed uno dei siti archeologici più famosi al mondo. Fu il luogo di sepoltura dei faraoni del Nuovo Regno d'Egitto come Tutankhamon, Ramses II, Tuthmosis III e Seti I. Le 60 tombe dell'area furono costruite tra il 1539 e il 1075 a.C. scolpendole in profondità nella terra sperando di mettere al sicuro sarcofagi e tesori sarebbero dai ladri che al tempo iniziavano a profanare le Piramidi. Solo 11 tombe sono aperte al pubblico e la maggior parte sono nella Valle dell'Est. La tomba di Seti I è uno dei templi più belli della Valle. Affianco anche la Valle delle Regine con 90 tombe, tra cui quella di Nefertari.




Colossi di Memnone

Sono due magnifiche statue egiziane che rappresentano Amenhotep III il Magnifico, il faraone che porto l'Egitto all'apice del potere artistico e internazionale. Sono scolpite in singoli blocchi di arenaria, alte 18 metri e pesano 720 tonnellate ciascuna. Servivano come guardie all'ingresso del tempio funerario del Faraone, il più grandioso e grande dell'antico Egitto con 35 ettari di area. Purtroppo un terremoto distrusse nel 1200a.C. il complesso; mentre la natura ha rovinato nei secoli i tratti dei Colossi, di cui oggi rimane l'imponenza.



Sharm El Sheik

Sharm è stata tra le prima meta famosa del Mar Rosso. Il centro di Sharm negli anni ha perso la sua tipicità per lasciare spazio alla vita mondana con bar, ristoranti, negozi e discoteche. Il lungomare di Naama Bay si contraddistingue per una grande spiaggia di sabbia e palme ondeggianti e si raggiungere la zona del faro. A Sharm si può ammirare la barriera corallina del Parco Nazionale di Ras Mohammed, anche se i coralli non abbondano di colori sgargianti vicino ai resort per il turismo di lunga data. Qui la temperatura dell'acqua non scende mai sotto i 20° e i mesi più "freddi" sono gennaio e febbraio con massime di 22°. Da Sharm El Sheik si possono fare escursioni al Cairo in giornata con un volo oppure in bus sul Monte Sinai e al Monastero di Santa Caterina. Quest'ultimo è patrimonio UNESCO ed è il più antico monastero cristiano esistente; secondo la Bibbia, qui è dove Mosé avrebbe ricevuto i comandamenti.



Marsa Alam

Marsa Alam è la meta ideale per le immersioni e per gli esperti di diving. Qui è possibile nuotare con le tartarughe e avvistare i maestosi dugonghi nel loro habitat naturale alla baia di Abu Dabab. A 30 km dal centro cittadino, è presente la Dolphin House, una barriera a ferro di cavallo scelta come casa dai delfini. Qui si trovano le maldive egiziane, cinque isole del Parco di Wadi Gimal con spiagge bianche e acque cristalline dove fare snorkling. Infine Marsa Alam è vicina ai siti archeologici dell'Antico Egitto, come Luxor, Edfu con il suo Tempio di Horus e Kom Ombo (a circa 4h30).



Hurghada

Un tempo piccolo villaggio di pescatori, oggi Hurghada è una delle destinazioni turistiche più visitate.

Amata dai subacquei e dagli appassionati di snorkeling per le barriere coralline multicolori.

Si possono visitare con escursioni in barca le isole tropicali di: Sheduan, Abu Minqar e Gifton. Dopo il tramonto, la città prende vita con ristoranti e locali nella zona della Marina. Come escursioni, Hurghada è perfetta per visitare Luxor in giornata (meno di 4h di viaggio), la baia dalla spiaggia bianca di Sahl Hasheesh e il deserto.




Buon viaggio!
















Comentários


IMG_5118.jpeg

Hai bisogno di info e consigli?

Saremo felici di aiutarti 😉

bottom of page