United States: NY e California

Viaggio nella East Coast tra New York e Boston poi volo verso la West Coast per un road trip della California: da San Diego a San Francisco, camminando sulla Walk of Fame di Los Angeles, il deserto della Death Valley, le piste da ballo di Las Vegas fino al tetto del Grand Canyon.


ITINERARIO IN MAPPA SUGGERIMENTI NEW YORK LOS ANGELES SAN FRANCISCO LAS VEGAS GRAND CANYON SEQUOIA&DEATHVALLEY

Questo viaggio l'ho fatto nel lontano novembre 2011..venti giorni su un altro pianeta! Sicuramente sono cambiate tantissime cose, ma le mete che ho visto valgono la pena di essere visitate.


East Coast

New York City

New York City, NYC, la Grande Mela. Dopo averla tanta sognata sui film, finalmente ci siamo! Dormo a Manhattan in un appartamento affittato su AirBnb e scopro che la città non dorme mai, sirene della polizia e delle ambulanze continuano interrottamente per tutta la notte.


Con 8,8 milioni di abitanti è la città più popolosa degli Stati Uniti e assieme a Londra è il centro dell'economia globale. Adagiata sulla foce del fiume Hudson, deve il suo nome al dominio inglese durante il 1600. La sua storia è lunga e variegata: racconta l'immigrazione degli europei, gli afroamericani e la guerra di secessione, le pantere nere, la criminalità e l'attentato dell' 11 Settembre.


Ma veniamo alla città e cosa visitare senza meno!

  • Times Square con le sue luci e schermi pubblicitari enormi, qui abbiamo trovato il negozio di M&M più grande mai visto.

  • A NYC ci sono ben 6.472 grattacieli con i famosi Empire State Building, simbolo della città e si può salire in cima, Chrysler Building, The Trump Building, il primo e più vecchio Woolworth Building, World Trade Center nato sulle ceneri delle Torri Gemelle (ora si trovano delle fontane dove erano posizionate le torri).

  • Central Park, polmone verde di 341 ettari nel centro di Manhattan, dove sono presenti parchi giochi, spettacoli e statue di vari personaggi come Jonh Lennon, Alice nel paese delle meraviglie, Balto e altri.

  • Musei: MoMA (Modern Art), The Met (Metropolitan), Guggenheim, Natural History. Sono tutti bellissimi, ma serve tempo per visitarli e goderseli. Io sono appassionata di storia e non ho resistito al Met: si può passeggiare dentro l'antico tempio egiziano di Dendur e ammirare il salone originale della residenza estiva del celebre architetto. Frank Lloyd Wright.

  • Rockefeller Center (dove per natale si trova un enorme albero addobbato e la pista di pattinaggio intorno) e il suo punto panoramico sul rooftop.

  • Statua della Libertà che si può raggiungere in traghetto o ammirare dalla punta più a sud di Manhattan.

  • Grand Central Terminal, la stazione ferroviaria più grande del mondo per numero di banchine e di grande bellezza con la sua grande volta.

  • Camminata sulla High Line, un parco su un ex ferrovia sopraelevata, fino al Chelsea Market (ex fabbrica di biscotti dove furono inventati e prodtti gli Oreo) e ai vicini mercati e atelier di designer e stilisti nascenti.

  • Little Italy e China Town per riempirsi la pancia.

  • Broadway Theatre per vedere un vero musical oppure allo Studio 54.

  • Financial district e il toro di Wall Street, simbolo di speranza e fortuna (bisogna toccare il naso, le corna o le palle XD ). Questa statua di bronzo è opera dell'artista Arturo di Modica il quale la collocò di nascosto nella notte del dicembre del 1989 davanti la Borsa per elogiare il coraggio con cui si era rialzata dopo la crisi finanziaria; doveva essere temporanea e i dirigenti di Borsa ordinarono subito la rimozione ma ai newyorkesi piacque talmente tanto il messaggio che la tennero e la spostarono nel vicino giardinetto.

  • Ellis island e il museo dell'Immigrazione.

  • Brooklyn e il suo Ponte, il quartiere è molto bello e si può ammirare lo skyline di Manhattan.

  • Williamsburg con il suo stile hipster e i suoi negozi e caffe retrò.

  • Harlem (non è pericoloso) e l'Apollo Theather.

Ci vorrebbe un mese per vedere tutta New York. Per fortuna si gira bene a piedi, ci sono i taxi a buon prezzo, la metro e si possono noleggiare le bici.

Il cibo è quello che mi ha più sorpreso: ai supermercati le confezioni hanno delle dimensioni tre volte le nostre; tanti sapori sono mescolati (es coca alla ciliegia, fragola e altri mille gusti oppure hot dog con pasta al formaggio); se vuoi mangiare sano devi pagare caro; ai fast-food c'è il refill (riempi il bicchiere quante volte vuoi).. il fast-food che più mi ha dato soddisfazioni Five Guys (però le calorie schizzano alle stelle).

Infine, anche se non siete sportivi, andate ad una partita di NBA, baseball o football; è un'esperienza unica e culturale da non saltare.


East Coast

Boston: Università, baseball e aragoste

Boston è la città delle Università, della famosa squadra di baseball Red Sox e delle aragoste.


Partiamo con le università: qui hanno sede Harvard e il MIT. Sono molto vicine, a circa 20 minuti a piedi. Si può passeggiare in entrambi i campus e io mi son addentrata fin dentro le aule del MIT sognando ad occhi aperti. Alla Harvard Coop si possono comprare magliette e gadget dell'università, libri o bere caffè leggendo.

Proseguendo si può visitare lo stadio dei Red Sox e i vicini Beacon Hill e Back Bay, due quartieri con negozietti e caratteristiche casette a schiera di mattone scuro. Da questi si prosegue nel parco storico Common Park, Downtown e il Waterfront dove si trova anche l'acquario. Infine il The Freedom Trail: un percorso di 4 chilometri con 16 tappe significative per la guerra d'indipendenza degli Stati Uniti.


Infine le aragoste (lobster) che qui si trovano a prezzi davvero modici. Esse erano infatti il piatto povero per soldati, marinai e prigionieri; ma quando Rockefellers iniziò a servirlo alle feste, divenne di tendenza e di grande prestigio. A Boston è una specialità e la si può trovare a mo' di panino, zuppa, pizza, per il brunch, nelle caffetterie, nei chioschi di strada e nei ristoranti.


West coast: California on the road

Los Angels (LA)

Con un volo di circa 6 ore e mettendo le lancette indietro dell'orologio di 3 ore, arrivo alla City of Angels.

Essendo appassionata di cinema, vado subito a fare un tour dei simboli legati al mondo cinematografico:

  • Walk of Fame in Hollywood Boulevard, creata nel 1958 è arrivata ad omaggiare 2.730 artisti e non solo come Frank Sinatra (che ne ha ben 3), Jonh Lennon, Micky Mouse, ecc.

  • TCL Chinese Theatre dove si teneva la cerimonia dei Premi Oscar prima che fossero spostate al più moderno Dolby Theatre.

  • Universal Studios con i set cinematografici de Lo Squalo, Ritorno al Futuro, Jurassic World (ed essere attaccati da velociraptor e l'enorme TRex); oppure si possono visitare altri celebri Studios sono quelli della Warner Bros, Sony e Paramount.

Qui tutto ricorda le ambientazioni di film e serie tv famose. Sunset Boulevard, i quartieri vip di Beverly Hills e Bel Air, i punti panoramici della città per vedere la scritta Hollywood, Melrose Avenue.

Lato oceano ci sono la famose spiagge di Venice Beach e Santa Monica con il tipico pontile "pier" dove si trovano la ruota panoramiche e altre giostre stile luna park.


LA è una grandissima metropoli e da europea sono rimasta all'inizio spiazzata, è molto diversa da NY e all'inizio mi mancavano gli edifici storici e un luogo di ritrovo..ma ci si abitua in fretta :)


La costa della California

Big Sur, da LA a Monterey

Il tratto di costa da Los Angeles a Monterey è perfetto per essere esplorato in auto e la sezione che attraversa il Big Sur è considerata come uno dei percorsi più scenografici degli USA. La Pacific Coast Highway corre lungo il fianco occidentale delle montagne, offrendo quasi ininterrottamente la vista dell'Oceano Pacifico. Le montagne si si gettano nel mare e tra scogli e baiette dormono beati tantissime foche ed elefanti marini. Due volte passano anche le balene che si possono avvistare dalle scogliere. Questo è un territorio incontaminato dove si possono fare camminate ed escursioni.

A chi piace la letteratura, qui si trovano la Henry Miller Memorial Library (henrymiller.org); il Nepenthe Restaurant che fu di proprietà di Orson Welles e Rita Hayworth e casa di Miller; la capanna di Lawrence Ferlinghetti vicino al Bixby Bridge, dove Jack Kerouac si ubriacò e trasse ispirazione per il libro "Big Sur" del 1962 (la (capanna è inaccessibile con sentieri insidiosi).

San Francisco Bay

San Francisco e la Silicon Valley

San Francisco è un melting pot di stili e culture: alternativa, hippie, gay-friendly, tecnologica, unica. Famosi sono i suoi tram che percorrono le salite e le discese della città, il rosso Golden Gate e l'isola di Alcatraz. E qui la mia giornata non può che iniziare con Have a nice day degli Stereophonics.


Il Golden Gate è il simbolo della città ed è uno dei ponti sospesi più grandi del mondo ( lungo 2,7 chilometri e alto 227 metri). Fu inaugurato nel 1937 da Joseph Strauss; prima la baia poteva essere attraversata solo in traghetto. Merita la vista dal Viewpoint vicino la Golden Gate beach e vale la pena anche fare qualche centinai di metri camminando sul ponte. Vicino anche il Golden Gate Park con il giardino giapponese, di Shakespeare e delle fragranze pensato per i non vedenti.


Il penitenziario federale di Alcatraz fu una prigione di massima sicurezza dal 1934 al 1963 che ospitò detenuti considerati irrecuperabili e pericolosi come Al Capone “Scarface”, George “Machine Gun” Kelly e Robert Stroud “l’ornitologo di Alcatraz”.

Nella sua storia ci furono 14 tentativi di evasione ma solo nel 1962, Frank Morris e i fratelli Anglin riuscirono a scappare tuffandosi in acqua. Essi scavarono dei tunnel nelle loro celle e lasciarono nei loro letti delle teste di cartapesta per ingannare le guardie; i loro corpi non furono mai ritrovati e molti credono che siano morti nelle fredde acque del Pacifico. Per arrivare sull'isola si prende un traghetto dal molo 33 di Fisherman’s Wharf e si visita con la guida o audioguida; i turisti sono sempre tanti ed è meglio prenotare in anticipo.


Altri magnifici quartieri sono:

  • Chinatown, a cui vi si accede da una grande porta d’ingresso tipicamente cinese (Grant Avenue) qui si possono mangiare tutte le bontà cinesi e risiede la seconda comunità cinese più grande degli Stati Uniti.

  • Japantown, il quartiere giapponese più grande e antico degli USA, che si estende per 6 isolati e la cui strada principale è Post Street.

  • Haight-Ashbury, vicino al Golden Gate Park fu la culla del movimento hippie ed è ricco palazzi dalle facciate variopinte.

Infine nella parte meridionale della baia di San Francisco c'è la famosa Silicon Valley, fulcro globale dell'innovazione, startup e social media (contribuisce per il 20% al PIL statunitense). La HP fu la prima azienda a sceglierla come sede nel 1939, poi negli anni '50 l'incubatore tecnologico della Stanford University contribuì ad attirare numerose aziende che sviluppavano microchip (a base di silicio - da cui il nome) e oggi vi si trovano le aziende leader del settore come Google, Apple (Cupertino), Netflix, Cisco, eBay e tante altre.



I parchi nazionali della California

Yosemite, Sequoia National Forest, Death Valley

E' novembre e fa strano passare dalla T-shirt al piumino in poche ore. Causa neve infatti - e senza attrezzatura adatta - purtroppo non è possibile andare a visitare il Parco Nazionale Yosemite, ma mi riprometto di tornarci.


Non posso però saltare il Sequoia National Forest: il secondo parco nazionale per importanza degli Stati Uniti (secondo dopo Yellowstone) in cui sono presenti 5 degli alberi più grandi al mondo. Si arriva al villaggio Three Rivers e si prosegue verso la Giant Forest, dove il Generale Sherman aspetta i visitatori da tempo immemore: si ritiene abbia tra i 2300 e 2700 anni ed è l'essere vivente più grande del mondo con 83,6 metri di altezza e un diametro di 9,10 metri.


La Death Valley, il Parco Nazionale della Valle della Morte, è il punto più basso del Nord America (86m sotto il livello del mare) e deve il suo nome alle condizioni climatico-ambientali che rendono difficilissima la sopravvivenza di piante e animali. Le temperature da maggio a settembre arrivano ai 50° (per questo non si può circolare di giorno) e piovono pochissimi millimetri d'acqua ogni anno che evaporano velocemente. Anche a Novembre il sole scottava e mi sono scottata una guancia solo stando in macchina. Questo luogo comunque è uno spettacolo della natura e consiglio di leggere la pagina di wikipedia per scoprire tutti i vari stadi dal mare, ai vulcani e laghi che riemergono.

Da non perdere il Zabriskie Point per le "terre cattive" e il bacino salato di Badwater (punto più basso). Importante arrivare con il pieno di carburante e una bottiglia di acqua, tanti mi avevano messo in guardia e in effetti nei 225km di vallata non è facile trovare benzinai e attività.


Nevada e Arizona

Las Vegas e Grand Canyon

All you need's a strong heart and a nerve of steel, Viva Las Vegasss ..sulle note di Elvis si entra nella città della perdizione. Luci scintillanti, hotel giganteschi, slot machine, clubs e musica; qui si vive di notte e di giorno ci si sente come zombie..incespicando sulla Strip e aspettando che il sole tramonti di nuovo.


Il centro di tutto è The Strip, la via lungo cui sorgono i più famosi hotel e casino: Bellagio con le fontane danzanti e che ospita il Cirque du Soleil, Flamingo Hotel (il più vecchio casino ancora aperto, del 1946), Caesar Palace, Exalibur hotel a forma di castello, il Luxor a forma di piramide, MGM Grand l'hotel più grande con 5.500 camere che ospita spettacoli e concerti e dove fu morso l'orecchio a Tyson, The Venetian con il campanile di San Marco e le gondole, Paris con la Torre Eiffel, New York Hotel e tanti altri.


In tutti gli hotel ci sono casinò, ristoranti, negozi, club per ballare (alle 4 di notte però chiudono), mentre nelle stanze e per le strade è pieno di business card di bellissime spogliarelliste. Al gioco non sono un asso ma una partita l'ho vinta, mentre a ballare mi son sfogata più che potevo..anche sul cibo devo dire, ci sono dei buffet enormi per il brunch in cui si paga una quota fissa e si può mangiare fino a star male.




Arizona e ripartenza

Route 66, Grand Canyon e San Diego

A 4 ore di auto da Las Vegas c'è il Grand Canyon e per arrivarci si percorre la Interstate 40, ossia il tratto della famosa Route 66. Il paesaggio è lunare, infinito e sembra surreale vedere dopo chilometri e chilometri caravan isolati e abitati..di notte non vorrei mai mi si fermasse l'auto qui, sarebbe il luogo perfetto per un film horror, ma di giorno il paesaggio e la vista sono spettacolari.


Il Grand Canyon è davvero unico con dei colori incredibili. E' lungo circa 450km e in alcuni punti è profondo anche 1.600m; si è formato nei millenni grazie all'erosione del fiume Colorado. Arrivando al Grand Canyon Visitor Center si può ammirare il panorama da alcune terrazze panoramiche e si arriva con brevi camminate ai punti panoramici Mather Point e Yavapai Point.


L'ultima tappa di questo fantastico tour è San Diego, una città vibrante sulla costa con una nightlife alternativa e interessante. Qui l'happy hour inizia alle 5pm, si va a ballare presto e alle 2 massimo i locali chiudono e diversi ristoranti aspettano i ragazzi per rifocillarli. Attenzione però a non girare con alcoli per le strade o barcollare ubriachi perché i poliziotti vanno giù pesante.


Suggerimenti utili:

  • Dove dormire: nelle città è meglio prenotare in anticipo, specialmente a NY e Los Angeles. In generale però è facile trovare da dormire ovunque, ci sono varie catene di hotel e motel (tra cui Motel 6 è abbastanza buona) in qualsiasi posto.

  • Guidare rispettando i limiti e i segnali stradali, è facile prendere le multe (e vanno pagate altrimenti sarete ospiti sgraditi la prossima volta che proverete ad entrare negli USA) e se vi fermasse la polizia bisogna stare molto rilassati e seguire quello che dicono senza gesti particolari. Le auto negli Stati Uniti sono immense rispetto a quelle italiane, tutte molto piu grosse dei nostri suv.

  • Cibo: molto carico (a me dopo 1ogg sono esplosi mille brufoli), ci sono mille catene di fast food e anche nei ristoranti mettono tante salsine. La colazione con pancake, eggs e bacon è un must e non ne farete piu a meno.


Itinerario in mappa:

Clicca qui per vedere la mappa su Google Maps e usarla durante il viaggio




IMG_5118.jpeg

Hai bisogno di info e consigli?

Saremo felici di aiutarti 😉